Lupo Editore

( ... oggetti )
Strumenti
Sabato, 23 Feb 2019


  • Rif.: TOP3
  • ISBN 978-88-96694-14-5
  • pagine: 228
  • Dimensioni: 22 X 14 cm
  • Genere: Saggio
  • Data pubblicazione: 2010
LA FABBRICA DEL MONDO
POLITICA ED ECONOMIA NELL'EPOCA DELLA GLOBALIZZAZIONE

Partendo dalla constatazione che fin dal Rinascimento la cultura occidentale ha aspirato a rappresentare il mondo, De Luca sviluppa un articolato excursus sull'indiscutibile potenza della produzione culturale procedendo per nodi cruciali ed interrogativi.
Attingendo a numerose ed autorevoli fonti specialistiche, l'Autore ci accompagna dunque in una cavalcata nei secoli e nelle forme adottate da intellettuali, artisti e scienziati per "fabbricare" mondi; ne deriva un lungo percorso caratterizzato da una tensione universalistica che appare condivisa tanto dai Segretari delle corti cinquecentesche quanto dagli urbanisti dell'età moderna e dai manager contemporanei, ispirati dalla dimensione economica tout court e animati da cieca fiducia nelle soluzioni tecnologiche. Passiamo così dall'immagine rinascimentale della città ideale al lusso dell'Ancién Régime (come autorappresentazioni del sé), dalle biblioteche e dai musei che hanno legato indissolubilmente arte e potere alla mercificazione della cultura, dalle megalopoli – specchio dell'opposizione tra nord e sud del mondo – a tecnologie mitizzate che hanno reso gli scienziati dei "creatori secondi" nell'elaborazione di intelligenze artificiali.
Dall'analisi storica emergono incalzanti quesiti sul ruolo dell'intellettuale e sull'esigenza di nuove regole che restituiscano alla cultura e all'arte la loro vocazione etica per porre rimedio allo "spaesamento" di un'umanità globalizzata e privata di civiltà nel momento in cui l'omologazione le ha sottratto tradizioni in cui identificarsi, nel proliferare di una vera e propria "metastasi mediatica".
Nel far coincidere il perfetto quanto insidioso cyberspazio con un oggettivo "disordine" che mette in discussione l'esistenza del mondo reale e fa della simulazione una incerta via verso la ricerca della felicità, De Luca si appella alla "consapevolezza amletica delle asimmetrie" invocando il multiculturalismo come la partita da giocare per ri-scrivere il mondo e ridare agli intellettuali la capacità di creare "altri spazi di significazione", di farsi mediatori tra differenze irrinunciabili.
Un saggio che appassiona come un romanzo, ponendo fondamentali domande sul prossimo futuro e sul concetto stesso di umanesimo.

Condividi:

Informazioni Autore/i


Luigi DE LUCA

Luigi De Luca, laureatosi presso l'Università degli Studi di Bologna con una tesi in semiologia dello spettacolo, ha iniziato la sua carriera professionale come organizzatore teatrale per il Teatro P (...)
Leggi tutto: (Luigi DE LUCA)


Aggiungi commento


Codice di sicurezza Aggiorna

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk