Lupo Editore

( ... oggetti )
Strumenti
Venerdì, 26 Apr 2019


  • Rif.: 199
  • ISBN 978-88-95861-72-2
  • Dimensioni: 28 X 0 cm
  • Data pubblicazione: Settembre 2009
ORTELLE, CRIPTA DI SANTA MARIA DELLA GROTTA – STORIA E RESTAURI

Il primo numero della collana di Studi di Storia dell’Arte De là da marche annovera nel suo comitato scientifico i migliori esperti del proprio settore, racconta l’esperienza di restauro condotta nella cripta di Santa Maria della Grotta a Ortelle, facendo il punto sui lavori eseguiti e sul loro risultato in termini di novità storico, artistica e archeologica. Per la prima volta il notevole patrimonio rappresentato dalla particolare produzione artistica presente nella Grotta mariana di Ortelle è stato davvero riconosciuto e, in qualche caso, di-svelato criticamente.

La prima e principale fase di restauro della cripta SANTA MARIA DELLA GROTTA di Ortelle, avviata con gli approfondimenti progettuali alla fine del 2004 e proseguita nel 2006 con l’avvio dell’intervento, incentrata sul recupero degli affreschi, ma estesa all’insieme del Bene tanto da mutarne significativamente la morfologia architettonica novecentesca, ha reso evidente e restituito alla comunità del Salento e a ogni persona interessata all’arte italiana e dell’Italia Meridionale un testo storico-artistico di inconsueta importanza.
Nel corso dei lavori è sorta la necessità di approntare un apposito progetto editoriale che potesse fare il punto su tale Restauro, soprattutto riguardo alle sue novità sia di natura storico-artistica, sia tecnico-scientifica e metodologica.
La qualità e la novità dell’Opera si comprendono sino dalla prima parte del volume, dove Sergio Ortese, con estremo rigore, rilegge totalmente la Cripta e la sua Decorazione Pittorica, pure senza perdere di vista la fortuna critica, il problema delle trasformazioni e il contesto storico delle opere esaminate. Tra le immagini analizzate dallo studioso desta particolare interesse una singolareTrinità con Angeli e Due Sante che Espongono un Drappo con Storie della Passione (secolo XV): si tratta di una scena tanto raffinata quanto singolare, una sorta di enigma iconografico ricolmo di immagini e simboli che assurgono a manifesto politico della Chiesa Cattolica Romana e a quel processo di latinizzazione della Penisola Salentina nel quale un ruolo fondamentale fu demandato ai principi del Balzo Orsini, signori incontrastati della Puglia e della contea di Castro, di cui Ortelle faceva parte.
Spetta appunto al restauratore Giuseppe Maria Costantini il compito di illustrare nella seconda parte del volume le innovative risorse tecnico-scientifiche e metodologiche adoperate nell’Intervento di Restauro di SANTA MARIA DELLA GROTTA.
In questo scenario si inserisce anche il prezioso intervento di Marco Leo Imperiale che, commentando le ricognizioni archeologiche “a campione” da lui curate all’interno e all’esterno della Cripta, rafforza le ragioni della scelta progettuale di approntare una ricerca preliminare interdisciplinare.
Il libro, interamente a colori, è corredato da splendidi rilevi, assonometrie, foto aeree e da un pregevole apparato iconografico che esalta i dettagli.


Condividi:

Informazioni Autore/i



Aggiungi commento


Codice di sicurezza Aggiorna

Utilizziamo i cookie per garantirti la migliore esperienza sul nostro sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk